palazzo_di_giustizia.jpg

NEWS

09.02.2024 Elezioni sindaco e consiglio comunale dei Comuni di Lona Lases, Fiavè e Borgo Chiese

Per poter assicurare l'accesso agli Uffici del Casellario giudiziale in occasione delle elezioni del sindaco e del consiglio comunale dei Comuni di Lona Lases, Fiavè e Borgo Chiese, indette per domenica 25 febbraio  con eventuale turno di ballottaggio previsto per domenica 10 marzo 2024, il Procuratore Distrettuale con nota prot. 36/24-1.1 OSP 11/24 di data 09 febbraio 2024 ha disposto, al fine di assicurare l'accesso agli uffici del Casellario giudiziale, l'apertura nei seguenti orari:

 

Servizi al Cittadino


Attraverso il sito web della Procura della Repubblica di Trento il privato cittadino può accedere ai seguenti servizi:

CASELLARIO GIUDIZIALE: evidenzia tutti i provvedimenti giudiziari e amministrativi del soggetto e può essere richiesto presso qualsiasi Procura, indipendentemente dal luogo di nascita e/o residenza/domicilio. Sul certificato va apposta una marca da bollo pari ad euro 19.92 (per le urgenze 23.84) a meno che il soggetto non comprovi uno dei motivi per l’esenzione (ad esempio: adozioni, gratuito patrocinio, vertenze sul lavoro). Le marche devono essere acquistate preventivamente dal cittadino e consegnate al momento del ritiro allo Sportello.

CARICO PENDENTE: evidenzia i procedimenti penali ancora in atto, che coinvolgono una data persona, un imputato, non ancora considerato colpevole. Solitamente si richiede nel distretto di residenza.  Sul certificato va apposta una marca da bollo pari ad euro 19.92 (per le urgenze 23.84) a meno che il soggetto non comprovi uno dei motivi per l’esenzione (ad esempio: adozioni, gratuito patrocinio, vertenze sul lavoro). Le marche devono essere acquistate preventivamente dal cittadino e consegnate al momento del ritiro allo Sportello.

VISURA: evidenzia tutte le iscrizioni a carico di una persona fisica esistenti presso il casellario giudiziale, comprese quelle di cui non è fatta menzione nel certificato generale, penale e/o civile. Il certificato è gratuito e anonimo.

 

1. MODALITA' DI PRENOTAZIONE

I certificati del casellario da parte dei privati e datori di lavoro non possono essere richiesti via posta elettronica, ma possono essere prenotati unicamente dal sito del ministero della giustizia. Selezionando l’urgenza è possibile ritirare il certificato il giorno stesso, con la maggiorazione dell’importo dei diritti di cancelleria.

NB: per i paesi esteri che lo richiedono è possibile legalizzare/apostillare i certificati comunicandolo via e-mail aQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando lo Stato di destinazione e richiamando il numero della ricevuta di prenotazione on-line. Il Casellario, su richiesta, può rilasciare il certificato multi-lingue esclusivamente per i Paese U.E., per tutti gli altri Stati la traduzione è di competenza del cittadino e dovrà essere asseverata da un Giudice di Pace.

  

2. MODALITA' DI RITIRO

Previa prenotazione al numero verde tel. 800336464 oppure tramite l’Agenda alla Home del sito, il certificato può essere ritirato allo sportello sito in Trento, Largo Pigarelli nr. 1, Piano terra, Stanza nr. 7 (maggiori informazioni al seguente link clicca qui). 

I certificati del casellario giudiziale richiesti dal cittadino devono essere prenotati esclusivamente online collegandosi al link https://certificaticasellario.giustizia.it/sac/; l’utente, ricevuto il numero di prenotazione, potrà richiedere l'appuntamento per il ritiro, comunicando il numero di prenotazione, scegliendo la propria preferenza di data e orario, collegandosi all'Agenda Digitale degli Uffici Giudiziari di Trento. In alternativa è possibile richiedere l'appuntamento per il ritiro contattando il Numero Verde (800336464), attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle 17.00.

Al ritiro deve essere consegnata la ricevuta di prenotazione online firmata dall’interessato. I certificati saranno stampati al momento della presentazione della ricevuta della richiesta on line – la richiesta on line resta valida 30 gg, trascorsi il sistema la cancella come previsto dalla norma.

E’ possibile ritirare di norma:
– il certificato del casellario dopo 3 gg lavorativi dalla richiesta;
– il certificato dei carichi pendenti dopo 5 gg lavorativi dalla richiesta

La persona interessata potrà ricevere il certificato presso la propria residenza, seguendo le seguenti istruzioni:

– inviare tramite il servizio postale una busta all’indirizzo:

Procura della Repubblica presso il tribunale di Trento, ufficio locale del casellario giudiziale, Largo Pigarelli n. 1 – 38122 trento (TN)

contenente:
1) la stampa della prenotazione del certificato firmata;
2) copia di un documento d’identità comprensivo di residenza;
3) le marche da bollo necessarie;
4) una busta affrancata con l’indirizzo di residenza del richiedente che servirà per inviare il certificato.

 

3. APOSTILLE E LEGALIZZAZIONE

Su istanza dell’interessato, per i certificati rilasciati dal Casellario, per le traduzioni asseverate dal Giudice di Pace e per i documenti redatti dai notai dell’Ordine di Trento è possibile annotare sulla documentazione originale l’apostilla. Il servizio è gratuito e il documento apostillato potrà essere ritirato dopo 7 gg dalla richiesta.

 Disposizioni Procuratore Apostille o legalizzazione delle firme

 

4. CERTIFICATO EX ART. 335 C.P.P.

La certificazione attesta l'avvenuta iscrizione nel registro degli indagati del nominativo richiesto. La possibilità di conoscere notizie relative alla fase delle indagini è vietata per i reati previsti dall'art. 407, secondo comma. Può essere richiesto dal cittadino allo sportello o dall’avvocato di fiducia tramite la PEC del Casellario. Il servizio è gratuito.

 Modulo Procura della Repubblica di Trento ex art. 335 c.p.p.

 

5. CERTIFICATO CASELLARIO GIUDIZIALE E DEI CARICHI PENDENTI RICHIESTI DALL'ESTERO

I cittadini italiani che si trovino in altro Stato membro dell’UE devono rivolgere la richiesta del certificato del casellario giudiziale, attraverso il competente servizio locale, all’autorità centrale di quello Stato. Il certificato, rilasciato attraverso l’interconnessione con la banca dati del casellario giudiziale italiano (c.d. Sistema ECRIS), reca le condanne emesse a suo carico dall’autorità giudiziaria italiana, nonché quelle emesse dagli altri Stati membri.

 

6. ANAGRAFE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DIPENDENTI DA REATO - MODELLO PER LA RICHIESTA DEL CERTIFICATO E DELLA VISURA DELLE ISCRIZIONI DELL’ANAGRAFE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DA PARTE DELL’ENTE INTERESSATO

 Modulo Richiesta Certificato e Visura delle iscrizioni dell'Anagrafe delle Sanzioni Amministrative

 

Servizi alla Pubblica Amministrazione


1. RICHIESTA CERTIFICATI DEL CASELLARIO

“Certificazione per le amministrazioni pubbliche e i gestori di pubblici servizi"

"Le amministrazioni pubbliche e i gestori di pubblici servizi possono consultare direttamente il Sistema Informativo del Casellario (SIC) per:

a) le acquisizioni d’ufficio di informazioni concernenti stati, qualità e fatti, (art. 43 e 46 D.P.R. 445/2000);

b) i controlli delle dichiarazioni sostitutive di certificati (art. 71 D.P.R. 445/2000);

c) l’acquisizione dei certificati del casellario giudiziale e dell’anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato (art. 28 e 32 D.P.R. 313/2002);

tramite:

– un servizio di cooperazione tra sistemi informativi

oppure
– Posta Elettronica Certificata (PEC)”

 

2. RICHIESTA MASSIVA DI CERTIFICATI DEL CASELLARIO

Le richieste “massive” devono essere inviate esclusivamente all’indirizzo di posta elettronica certificata: “Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.“. 

Presso questo Ufficio è stata attivata la procedura “Certificazione Massiva-CERPA”, utilizzabile da parte delle amministrazioni pubbliche e dei gestori di pubblici servizi.

Tale procedura consente di ottenere in tempi rapidi il rilascio dei seguenti certificati:

– Certificato ex art. 39 d.p.r. n. 313/2002 (consultazione diretta del sistema)
– Certificato per uso elettorale (art. 29 d.p.r. n. 313/2002)

Per mezzo dell’applicativo “Certificazione Massiva-CERPA” le amministrazioni pubbliche ed i gestori di pubblici servizi possono trasmettere le proprie richieste massive all’ ufficio del Casellario locale di questa Procura, attenendosi alla seguente procedura:

1) Occorre preventivamente scaricare ed installare sul proprio p.c. la procedura “NSC-CERPA”, che consente la produzione di richieste massive di certificati.

2) La procedura di “NSC-CERPA” deve , successivamente, essere attivata attraverso specifica richiesta, utilizzando l’apposito modello (allegato n. 2), in cui è necessario sempre indicare il numero e la data di protocollo.

3) Alla richiesta di cui al punto b) dovrà essere allegato un file, generato tramite il programma “NSC-Massive”, oppure un file già disponibile in formato .txt o .csv, che contenga le informazioni relative a ciascun soggetto di cui si richiede il certificato, rigorosamente formattato secondo le indicazioni illustrate nel manuale utente NSC/Massive.

4) Così predisposta la richiesta, sottoscritta e scansionata in formato .pdf , ed il file allegato in formato .txt o .csv devono essere trasmessi, tramite l’indirizzo PEC istituzionale dell’ente, all’indirizzo di posta elettronica certificata Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., evidenziando nell’oggetto che si tratta di comunicazione diretta al Casellario.

allegato n. 1 – Applicativo NSC-CERPA formato ZIP (8,64 MB)
allegato n. 2 – Richiesta attivazione procedura di certificazione massiva formato ZIP (70Kb)
allegato n. 3 – Manuale utente formato ZIP (1091Kb) 

 

3. IN CASO DI MALFUNZIONAMENTO

In caso di malfunzionamento della procedura “NSC-CERPA” si riportano i link per scaricare autonomamente i relativi modelli da inoltrare come indicato al punto 4).

Modello casellario persone fisiche

Modello accreditamento massive

Modello richieste sanzioni amministrative

Tutti i diritti riservati della Procura della Repubblica di Trento ι copyright@2021

Area Riservata Polizia Giudiziaria |